Investire sullo zucchero, quotazione e previsioni prezzo

Come poter investire nello zucchero facendo operazioni di trading online: questa materia prima conviene sempre, o bisogna azzeccare la sua stagionalità? Tutto sulla quotazione di mercato e le previsioni relative al prezzo per eseguire il proprio investimento.

Caratteristiche trading online zucchero

Il trading online è l’attività in cui si cerca attraverso la variazione delle quotazioni relativi gli asset sui principali mercati finanziari, oltre ad ottenere elevati rendimenti con lo scopo principale di ricavarne il massimo profitto con il minimo rischio ed nel minor tempo possibile. Ovviamente, non si deve improvvisare: per arrivare a questo traguardo bisogna avere una certa predisposizione e preparazione. Sono in molti disposti ad iniziare tale attività, ma in quale modo è possibile iniziare e cosa bisogna fare per ottenere un alto rendimento attraverso questa attività, anche se praticata in maniera saltuaria. Per coloro i quali vogliono intraprendere l’attività di trading sullo zucchero, la miglior cosa è iniziare con un mezzo ben preciso, ovvero una piattaforma per operare mediante contratti CFD. Questa piattaforma è definita broker ed è molto facile da utilizzare, anche se si è alle prime armi e non si  ha molta esperienza con il trading finanziario online. Ci si può rendere conto di quanto sia semplice cliccando qui e accedendo direttamente alla pagina e vedere, ad esempio, la quotazione zucchero grafico online. E’ bene, comunque, iniziare il trading da un conto demo, in quanto sarà possibile operare usando denaro virtuale senza mettere a rischio il proprio capitale utilizzando il proprio denaro. Tuttavia, chi si sente già sicuro e vuole già investire, può farlo tranquillamente senza commissioni, né costi fissi, a differenza delle Banche e degli altri istituti di credito.

Come investire nello zucchero

Investire sulle materie prime è diventata una pratica molto diffusa, in particolar modo sullo zucchero, in quanto elemento fondamentale nell’alimentazione umana, ma non solo: il suo impiego nelle varie attività come quella industriale, ad incidere in modo importante nella sua distribuzione, a partire dall’industria alimentare, dalla quale si fabbrica l’etanolo, biocarburante molto ricercato sul mercato, e prodotto in Brasile. Proprio il Paese sudamericano, è il principale produttore di zucchero al mondo, seguito da India e Cina, ma la sua distribuzione non è di certo limitata in questi Paesi, anche in Europa e Nord America. Come si evince dalle precedenti parole, sono notevoli i volumi di scambio riguardante tale bene, e per fare trading, rappresenta un buon modo di diversificare i propri investimenti, potendo in questo modo ottenere degli importanti profitti a breve ed anche a lungo periodo, a seconda della strategia adottata. Proprio per quanto riguarda la scelta da adottare, bisogna conoscere in modo profondo come si colloca sul mercato lo zucchero e quali siano le varianti in grado di modificarne la quotazione e le varie caratteristiche venendo utilizzato nella lavorazione di altri tipi di prodotto.

Strategia di investimento per lo zucchero

Cosa c’è da conoscere bene su questo prodotto per valutare al meglio la strategia da adottare per il trader intenzionato all’investimento di tale bene e come esso si colloca sul mercato? Sicuramente, bisogna anche analizzare le forme di questa materia prima così preziosa, distinguendolo secondo diversi criteri. Il primo è senza dubbio stabilire il tipo: lo zucchero grezzo, ovvero quello ottenuto dalla canna da zucchero, rappresentante tre quarti della sua produzione totale, mentre lo zucchero bianco, dal quale ne consegue la barbabietola, indicante il restante quarto di consumo e produttività del bene preso in considerazione. Dopo questa suddivisione, si deve considerare come esso venga scambiato sui mercati internazionali, rappresentando non più 30% rispetto a quello realmente prodotto: la restante parte risulta da uno scambio negoziato tra il tipo di zucchero grezzo e quello bianco, e sono diversi gli indicatori da seguire per l’attività di trading dello zucchero. Tra questi, come per altri tipi di materie prime, bisognerà stare attenti all’incontro tra domanda ed offerta. Altro fattore fondamentale, è quello di tenere conto delle condizioni climatiche: ebbene sì, è il clima che incide in maniera significativa. Il prezzo può infatti cambiare da un Paese all’altro perché se c’è una maggiore produzione, allora non conviene investire, mentre se diminuisce, è il momento giusto.  Altro indicatore necessario per lo speculatore è conoscere i valori del petrolio, visto che sono strettamente correlati alla fabbricazione di biocarburanti e di conseguenza all’utilizzo dello zucchero. In questo caso, il rialzo dei prezzi dell’uno comporterebbero in automatico l’aumento di valore dell’altro. In generale, i prezzi dello zucchero tendono a calare durante il periodo di raccolta, la quale avviene da novembre fino a febbraio, quando arrivano le prime gelate ad influire sulla produzione in generale. Quando invece si piantano le barbabietole, l’offerta delle canne da zucchero, comportano un cambiamento nel mercato, ed a quel punto il suo prezzo tende a calare per buona parte della primavera  fino a luglio, mentre ad agosto c’è un calo netto. Quindi, il prodotto tende ad essere più forte quando il raccolto è più a rischio, ovvero durante la semina, mentre risulta più debole dopo l’impollinazione, per la precisione nella fase di raccolta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *